La provincia di Luang Namtha

la provincia di luang namtha

Camminare è uno dei modi migliori per conoscere un paese. Procedendo lentamente si notano i particolari, si gode del silenzio della natura e si assapora ogni istante del tempo che scorre più lentamente. Questo è sicuramente vero per il Laos. In particolare il nord laotiano, con le sue montagne e le sue foreste è un vero e proprio paradiso per gli amanti del trekking e dell’eco-turismo.

Proprio grazie al trekking la provincia di Luang Namtha sta diventando sempre più apprezzata dal turismo internazionale, alla ricerca di un Laos diverso da quello che si può trovare a Luang Prabang o Vientiane.

La zona di Luang Namtha

Luang Namtha fino al 1976 costituiva, insieme a Bokeo, la provincia di Houakhong. La sua posizione, confinante con Cina e Birmania, ma non distante dalla Thailandia, la rende un vero e proprio corridoio, seppure montagnoso, per il passaggio di merci e persone. Qui vi è la maggiore produzione di gomma e canna da zucchero del paese, mentre moltissime altre sono le colture destinate all’autoconsumo nei numerosi villaggi, una delle principali attrazioni della zona.

Oltre alle splendide foreste la provincia di Luang Namtha vede anche la presenza di numerosissime etnie diverse. Il centro del turismo dedicato al trekking può essere visto nell’area protetta chiamata Nam Ha National Biodiversity Conservation Area, nata nel 1993 ed estesa nel 1999. Qui le cime hanno altezze da 500 ad oltre 2000 metri, sebbene l’altitudine media sia di 1000-1500 metri. I villaggi presenti nell’area sono 104 dove vivono, tra gli altri, i gruppi etnici Lao Leu, Thai Dam, Lao Thueng, Ikor, Lao Hoi, Kui, Hmong ed Etong. Particolarmente interessante la minoranza Sida, che può essere trovata in soli due villaggi nell’intero Laos. La visita a comunità fa parte dei tradizionali circuiti di trekking locali.

Attività da fare

A Luang Namtha troverete decine di agenzie che propongono vari tour. Fate attenzione quando scegliete un pacchetto a quello che state pagando, soprattutto in merito alla sistemazione per la notte, all’equipaggiamento ed al cibo che vi verrano forniti.

Non dimenticate infatti che potreste trovarvi a camminare tra i villaggi e le aree più remote della giungla, dove ancora vivono in libertà orsi, tigri, leopardi nebulosi insieme ad altri animali come le scimmie ed i bauteng, della famiglia dei bovini. I più fortunati potranno anche incontrare la piccola comunità di gaur, gli elefanti asiatici. Se il trekking costituisce la principale attività nella provincia di Luang Namtha, i turisti più pigri, o semplicemente stanchi per i troppi sentieri, potranno dedicarsi ad altro.

Si possono infatti affittare biciclette, motociclette o noleggiare tuk-tuk con autista per recarsi nei vari villaggi della zona, tra cui Muang Sing centro originario della cultura Sipsongpanna oggi trasferitasi nello Yunnan, oppure rilassarsi in una delle molte saune presenti nella capitale della provincia. Fate comunque attenzione a non eccedere nei divertimenti, in quanto siete pur sempre nei pressi del Triangolo d’Oro.

Come arrivare a Luang Namtha

Per arrivare a Luang Namtha ci sono molti modi, c’è anche un aeroporto con voli regolari da/per Vientiane, ma il mezzo più comune resta il bus. Da Luang Prabang si può arrivare a Luang Namtha in 8-10 ore mentre molto meno serve per giungere al confine con la Cina, grazie ad una nuova ed efficiente strada che collega la capitale provinciale al posto di frontiera di Boten.

Bus da Luang Namtha conducono anche alla frontiera thailandese ed in moltre altre zone del Laos. Quindi non vi resta che allacciare gli scarponi, mettere lo zaino in spalla e partire.

Le stazioni dei bus

A Luang Namtha ci sono due stazioni dei bus, la prima dista circa 10 km dalla “capitale del trekking” del Laos. Da qui potrete prendere il vostro bus per Vientiane, Oudomxay o Luang Prabang, ma anche per la Cina (Jinghong e Mengla) ed il Vietnam (Dien Bien Phu).

Una volta arrivati a questa stazione potrete raggiungere Luang Namtha con un songthaew collettivo, che troverete ad aspettarvi quando sarete scesi dal bus. In città c’è anche una seconda stazione dei bus più piccola, proprio di fianco alla guesthouse Amandra Villa, da cui si possono raggiungere località come Muang Sing.

Total
0
Shares
0 Share
0 Tweet
0 Pin it
0 Share
0 Share
0 Share
0 Share
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts